THEDARKSIDEOFME02

Una parte di noi come la luna può brillare di luce riflessa, rimanere in silenzio, ascoltare, rimanere nell’ombra. Questa parte resta discreta, non predominante perchè non la presentiamo mai, ma se riusciamo ad ammettere di possederla la possiamo allenare con costanza attraverso quotidiani esercizi di gentilezza per rendere i nostri difetti costruttivi. Possiamo accettare la nostra luna capace di portare uno spiraglio di luce in mezzo alle tenebre più scure.

“Ognuno di noi è una luna: ha un lato oscuro che non mostra mai a nessun altro.”
Mark Twain

Cedro del libano, rovere
tecniche varie
40×60 cm


DIALOGHI01

Il dialogo interculturale è uno scambio di vedute aperto e rispettoso fondato sulla comprensione reciproca fra individui e gruppi che hanno origini e patrimoni linguistici, culturali, etnici e religiosi differenti.

“Il problema è capirsi. Oppure nessuno può capire nessuno: ogni merlo crede d’aver messo nel fischio un significato fondamentale per lui, ma che solo lui intende; l’altro gli ribatte qualcosa che non ha relazione con quello che lui ha detto; è un dialogo tra sordi, una conversazione senza né capo né coda. Ma i dialoghi umani sono forse qualcosa di diverso?”
Italo Calvino

gelso, 32×40 cm


YUGEN01

yūgen 幽玄

“.. un riverbero senza fine, che nasce da una profondità senza fine …”

“..un riverbero senza fine, che nasce da una profondità senza fine, non meglio rivelata. Se il contenuto si esaurisce in sé – se il processo rivelatore termina in un qualsiasi momento – ogni riverbero sarà analogamente limitato. Ma ciò che emerge dalle profondità prive di limiti e non perde mai la propria interezza […] produce un’eco inesprimibile a parole.”

Shin’ichi Hisamatsu, Zen and the Fine Arts

Fin dove arriva lo sguardo,
non vedo fiori di ciliegio, né foglie colorate d’autunno,
ma soltanto una capanna dal tetto di giunchi vicino all’insenatura
nel crepuscolo autunnale.

Fujiwara no Sadaie (1162-1241)


Michele e Tatiana